CN10 architetti è stato fondato nel 2004 da Gianluca Gelmini. Lo studio si occupa di progettazione architettonica e recupero del patrimonio storico a diverse scale d’intervento. Negli anni lo studio ha partecipato a concorsi nazionali e internazionali ottenendo premi e riconoscimenti. CN10 architetti ha realizzato diversi incarichi pubblici e privati.
Tra i più significativi: i lavori di restauro delle chiese di san Giorgio e san Giuliano a Bonate Sotto (BG); il restauro della chiesa di Botta di Sotto il Monte, il recupero di Palazzo Furietti Carrara a Presezzo (BG), l’ampliamento dell’Oratorio e il restauro del Centro Pastorale di Carvico (Bg), il restauro della Torre del Borgo a Villa d’Adda (BG), il recupero dell’ex Scuola di Miniera di Novafeltria (Rn).
Ogni azione provoca inevitabilmente dei cambiamenti, ogni nuova costruzione così come ogni restauro comporta una trasformazione più o meno radicale del territorio. Solo avendo coscienza di questa condizione propria del fare architettura è possibile agire con il massimo rispetto nei confronti di un ambiente dato, mettendone in discussione, se necessario, la sua stessa ragione di essere. Si tratta di un atteggiamento sostenuto da una certa autonomia rispetto ai possibili condizionamenti imposti dal luogo e dalla storia, una posizione che rivendica la laicità del progetto di architettura. Ciò non significa rimanere indifferenti rispetto al contesto ma capirne le più intime relazioni, comprenderne i caratteri, le forme e la materia, per operarne una sintesi più o meno coerente con il programma iniziale.

CN10 architects was founded in 2004 by Gianluca Gelmini. The study deals with architectural planning and recovery of historical heritage at different scales of intervention. Over the years the firm has participated in national and international competitions winning prizes and awards. 
CN10 architects has realized several works between public and private. Among the most significant: the restoration work of the churches San Giorgio e San Giuliano in Bonate Sotto (BG); the restoration work of Botta church in Sotto il Monte (BG); the recovery of Palazzo Furietti Carrara in Presezzo (BG); the extension of the Parish Center of Carvico (BG); the restoration of Torre del Borgo in Villa d'Adda (BG); the recovery of the ex school in Miniera di Novafeltria (Rn). Any action inevitably causes changes, every new building as well as any recovery intervention involves a transformation more or less radical of the territory. Only by being aware of these conditions do architecture, it is possible to act with the utmost respect for a given environment.It is an attitude supported by a certain autonomy from the possible constraints imposed by the location and history, a position that asserts the secularity of architectural design. That does not mean remain indifferent to the context but understand their most intimate relationships, understand the characters, forms and matter, in order to create a coherent synthesis with the initial program.

Gianluca Gelmini (Bergamo, 1967) si laurea con lode al Politecnico di Milano nel 1996. Nel 1999 ottiene una borsa di studio per il dottorato di ricerca in Composizione Architettonica presso lo IUAV di Venezia. Nel 2005 conclude, con una seconda borsa di studio, la scuola di Specializzazione in Restauro dei Monumenti del Politecnico di Milano. I lavori di ricerca e progettazione sviluppati da Gianluca Gelmini in ambito accademico e professionale sono stati pubblicati su riviste scientifiche di interesse nazionale e internazionale ottenendo premi e riconoscimenti, tra cui nel 2001 la menzione al Premio “ASSIRCCO Giovani”, per studiosi di recupero, consolidamento e restauro dell’architettura e nel 2004 la menzione al premio internazionale “Luigi e Sandro Angelini” per il lavoro svolto nell’ambito del Dottorato di Ricerca. Ha insegnato al Politecnico di Milano, alla Facoltà di Architettura dell’Università di Parma e all’Accademia di Architettura di Mendrisio. Dal 1996 è iscritto all'Ordine Architetti Bergamo. Nel 2004 fonda lo studio di architettura CN10.

Gianluca Gelmini (Bergamo, 1967) graduated cum laude at Politecnico di Milano in 1996. Winning a scholarship in 1999, he continued his education with a PhD in Architectural Composition at the IUAV in Venice. In 2005 he concluded thanks to another scholarship, the School of Specialization in Restoration of Monuments at Politecnico di Milano. The research and design developed by Gianluca Gelmini during his academic period, have been published in scientific journals with national and international interest. He won prizes and awards, including in 2001 the mention at the Prize "ASSIRCCO Giovani” and in 2004 the reference to the international award "Luigi and Sandro Angelini" for the work done as part of the PhD. Has teaching at Politecnico di Milano, Faculty of Architecture of the Università di Parma and Accademia di Architettura di Mendrisio. Since 1996 is a member of the Ordine Architetti Bergamo. In 2004 he founded the architectural firm CN10.

Andrea Pressiani (Ponte San Pietro, 1987) si laurea in Progetto e Tutela del patrimonio costruito al Politecnico di Milano nel 2014. Collabora con lo studio dal 2010.

Ai progetti dello studio hanno collaborato negli anni: Paolo Lombardi, Gianluca Saibene, Fabio Pravettoni, Michele Pezzotti, Claudia Ghisleni, Matteo Maggioni, Claudia Pippo, Manuela Maestroni, Giulio Angelini, Marcello Ambrosioni, Francesco Perlini, Dario Ganzetti, Carlo Zucchia, Andrea Mazzucotelli, Rossella Gaeni, Chiara Brembilla, Daniele Mazzoleni, Riccardo Miccoli, Christophe Colombo, Matteo Rota, Marco Pizzagalli.
Back to Top